Pagine

martedì 26 novembre 2013

... una zucca e una cucina per due

... metti un menu a base di zucca, metti dieci commensali, metti due giorni di pioggia quasi ininterrotta in uno scenario del Basso mantovano vicino alla golena di Po... e una cucina questa volta condivisa... e la TV (finalmente) spenta!
Tante chiacchiere ma la stessa voglia di divertirsi, cucinando insieme, scoprendo piccoli e semplici, ma importanti segreti culinari che rendono ancor più intrigante la preparazione dei piatti.
Un menu caratterizzato da ingredienti genuini e di stagione arricchito da preparazioni attente e sapienti che rendono gustose le pietanze preparante con la regina del momento: la zucca.
Il colore della sua polpa, di quell'intenso arancione, mette allegria e nonostante il tempo autunnale rimanda i nostri occhi al ricordo delle tinte forti e sature dell'estate inoltrata. È bellissima.
E, cariche di questo forte ed energico colore iniziamo a cucinare.
Qualche fetta di salame e di prosciutto crudo di Parma con pane alla zucca, i prelibati tortelli di zucca e le tagliatelle (rigorosamente fatte a mano) condite con sugo di patate e zucca; una faraona arrosto con un ripieno arricchito da piccoli tocchetti di zucca, una coppa arrosto agli aromi vestita di pancetta con contorno di tocchetti di pere, patate e zucca.
Anche la dolcezza finale era colorata di arancione: una crostata di pasta brisè con un ripieno di zucca e mandorle, ricoperta di pinoli e zucchero a velo servita con una deliziosa salsa di cioccolato.
La soddisfazione dei commensali ripaga di tutte le divertenti fatiche!

Ingredienti per la crostata di zucca con pinoli

600 gr. di pasta brisè
600-650 gr. di zucca
150 gr. di zucchero
3 uova
100 gr. di mandorle non spellate
100 gr. di pinoli
zucchero a velo
un pizzico di sale

Stendere la pasta brisè e ricoprire una teglia rotonda di 30 cm di diametro. Metterla in frigo.
Sbucciare la zucca e tagliarla a piccoli tocchetti; cuocerla facendola appassire e stufare in una padella con una noce di burro e un cucchiaio di zucchero.
Muoverla di tanto in tanto e quando con una forchetta si riuscirà a trapassare la polpa toglierla dal fuoco e lasciarla raffreddare.
Intanto tostare le mandorle e tritarle ottenendo una farina grossolana.
Montare tre tuorli con lo zucchero, versarvi i tocchetti di zucca cotta, le mandorle tritate a farina grossa e tre albumi precedentemente montati a neve ben soda con un pizzico di sale.
Amalgamare con dolcezza facendo incorporare aria con un movimento dall'alto verso il basso.
Versare il composto sulla base della pasta brisè già pronta nella teglia, spargere i pinoli sulla superficie e spolverare con lo zucchero a velo, ricoprendo tutto di bianco.
Cuocere in forno a 180° per 30-40 minuti.



giovedì 14 novembre 2013

Una "normale" schiacciata con una farina speciale

Da qualche tempo per fare pane, focacce e biscotti uso una farina speciale.
È la farina prodotta dal Molino Quaglia della provincia di Padova.
Questo il link farinepetra.it
... e questa la mia focaccia

Ingredienti:

100 g. di farina manitoba per il poolish
400 g. di farina "Petra 3"
250-280 g. di acqua
    2 cucchiai di olio extravergine di oliva
un cucchiaino di sale.
Per arricchire la preparazione 100 g. di olive snocciolate

Il giorno prima ho preparato il poolish come al solito.
Il mattino dopo ho impastato il poolish aggiungendo gli altri ingredienti con la quantità restante di acqua badando di usarla tutta in caso di necessità al fine di ottenere un impasto liscio e morbido.
Ho messo a lievitare fino al raddoppio, poi ho fatto un giro di pieghe e ho appoggiato l'impasto su di una carta forno leggermente oliata.
Ho coperto "a campana" e ho lasciato riposare per circa mezz'ora.
A questo punto aiutandomi con le mani oliate ho steso l'impasto su di una teglia.
La grandezza della teglia dipende dai gusti a seconda se si desidera una schiacciata più o meno alta.
Ho lasciato di nuovo lievitare al tiepido e poi prima di infornare ho affondato le olive e steso con un pennello sulla pasta una emulsione preparata con due cucchiai di acqua, due di olio e un cucchiaino raso di sale fino.
Si cuoce a 180° per 20/25 minuti fino ad avere una crosta dorata ma non troppo scura.
La particolarità è la farina: la farina Petra del Molino Quaglia.
Vi assicuro una genuinità, un'ottima lavorazione e un sapore veramente strepitosi!
Alla prossima






sabato 9 novembre 2013

La zucca e la feste delle Lumere a Mantova





Ciao a tutti! Eccomi nuovamente.
Ed eccomi accompagnata dalla regina della cucina di questo periodo: la zucca.
La zucca è la protagonista di un tipico piatto di Mantova, i tortelli di zucca, ma per la festa delle Lumere (il termine indica le zucche scavate e illuminate), ovvero la "nostra" festa di Halloween, la prelibata e versatile polpa della zucca viene utilizzata per tantissime altre prelibatezze culinarie sia dolci che salate.
Ho partecipato alla Festa delle Lumere organizzata a Mantova la domenica dello scorso 27 ottobre nei pressi del Lungorio e delle Pescherie di Giulio Romano preparando deliziosi bocconcini, dolci e salati, che hanno avuto un fantastico successo.
Qui di seguito la locandina della manifestazione e alcuni scatti delle mie preparazioni a base di zucca.
A presto!

sfogliatelle di zucca e formaggio

bignè con crema di zucca

muffin salati di zucca

muffin dolci di zucca

pane di zucca

torta di miglio, zucca e frutta secca







Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...