Pagine

domenica 17 luglio 2016

Torta ai formaggi in guscio di frolla



Questa torta la dedico a mia mamma, perché il foglio con la ricetta dalla quale ho preso spunto me lo aveva prestato Lei con la promessa di restituirglielo dopo averne preso nota. Ma come succede spesso le cose si protraggono e così il foglio è rimasto a me ed ora è un caro ricordo. 
È una torta fredda da tenere in frigorifero.

Ingredienti 
Un guscio di frolla preparata con la ricetta delle crostatine con farina di riso che ho postato in precedenza, usando la quantità doppia di ingredienti (rimarrà un po’ di impasto, ma si può benissimo usare per biscotti)
600 g. di fragole meglio se di varietà “quattro stagioni” perché più piccole e profumate
200 g. di ricotta mista da affioramento
200 g. di robiola fresca
300 g. di cioccolato bianco
150 g. di zucchero semolato

Cuocere il guscio di frolla in bianco, dopo aver ben punzecchiato con una forchetta il fondo e aver protetto i bordi coprendoli con la carta forno che è stata usata per coprire il fondo della teglia, a 180° fino a che non assume un bel color biscotto.
Nel frattempo, fare saltare le fragole, (tenerne da parte una dozzina, le più piccole che serviranno per la decorazione) dopo averle tagliate a metà, in padella, aggiungendo lo zucchero quando queste sono ben appassite.
Rimescolare velocemente tenendo la fiamma alta così da avere un composto ben asciutto, spegnere e lasciare raffreddare.
Sciogliere il cioccolato bianco a bagnomaria e, quando raffreddato, unirlo alla robiola e ricotta precedentemente mescolate assieme, tenendone un poco da parte per il fondo della frolla.
Quando il guscio di pasta frolla si è raffreddato spalmare il fondo con il cioccolato bianco tenuto da parte, stendervi sopra la composta di fragole e quindi coprire con la farcia ai formaggi livellando bene con una spatola. Porre in frigorifero fino al momento del consumo che può essere anche il giorno dopo, anzi sarà più buona. Decorare con le fragoline rimaste prima di portare in tavola.

Ho usato una frolla preparata con farina di riso perché risulta molto più friabile nonostante la permanenza in frigorifero. È molto apprezzata anche dai bambini per la freschezza e bellezza delle fragole.







lunedì 4 luglio 2016

Pasta piena



Diverso tempo fa, sfogliando un libro di cucina emiliana, mi sono imbattuta in questo tipo di pasta, che si può preparare con farciture diverse e servire in brodo. Ho pensato di trasformarla in una pasta asciutta scegliendo una farcitura di ricotta per un primo piatto da condire con sughi leggeri preparati con verdure di stagione.
Ingredienti:
una sfoglia all’uovo preparata con quattro uova
300 g. di ricotta mista da affioramento
2 uova piccole
qualche cucchiaiata di Parmigiano Reggiano
poco sale e se piace pepe (possibilmente bianco)

Per il condimento:
in primavera
4 piccole zucchine tagliate a pezzetti piccoli
100 g. di guanciale
Due spicchi di aglio
poco olio extra, sale 

in autunno
un cespo di radicchio di Treviso precoce, tagliato a listarelle
100 g. di guanciale
una piccola cipolla
poco olio extra, sale

Prima di tirare la pasta, preparare il condimento.
Fare appassire nell’olio, l’aglio o la cipolla a seconda del periodo, aggiungere il guanciale tritato ben fine e fare rosolare lentamente. Aggiungere le zucchine o il radicchio e fare saltare velocemente in modo che le verdure restino croccanti, aggiustare di sale e spegnere.
In una ciotola amalgamare la ricotta con le uova, il parmigiano, sale e pepe e con questa farcia spalmare metà della sfoglia, (deve risultare uno strato sottile), che nel frattempo è stata tirata e lasciata dello spessore uguale a quello per preparare le tagliatelle al sugo. Ripiegare sopra la farcia la restante metà di sfoglia e con le mani dando dei piccoli colpetti fare uscire tutta l’aria.
Con la rotella dentata tagliare prima delle strisce orizzontali e poi verticale per ottenere dei quadratini che tal quali, senza bisogno di staccarli l’uno dall’altro, con l’ausilio di una larga spatola si butteranno in acqua bollente salata.
Mescolare e lasciare riprendere il bollore, i quadretti verranno a galla.
Con un mestolo forato, scolarli e aggiungerli al condimento che intanto si era fatto riscaldare e fare saltare. Togliere dal fuoco, spolverare di Parmigiano mescolare e servire.

Una preparazione semplice per tantissimo gusto!








Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...