Pagine

mercoledì 31 agosto 2016

Purè all’olio



... Si dirà: «Il purè d’estate?» No! E invece sì!
Questo purè è molto leggero e delicato, è buonissimo tiepido, ma anche a temperatura ambiente accompagnato a carni lesse fredde.
Molto semplice e facile da preparare, ma di molta soddisfazione.

Ingredienti
1 kg di patate (inutile dire patate buone, possibilmente a pasta bianca)
50 g di olio extravergine (o come diceva Veronelli di frantoio)
uno spicchio di aglio 
sale


Sbucciare e tagliare le patate a tocchetti, metterle a cuocere in una pentola coperte a filo con acqua o brodo di carne sgrassato a seconda se si desidera un purè più o meno leggero, ma comunque sempre gustoso, con l’aglio e poco sale.
Una volta cotte, tenere da parte un poco di liquido di cottura e con un frullino a immersione ridurre le patate in purea.
Aggiungere lentamente l’olio continuando a frullare e se serve ad accomodare la densità aggiungere anche una parte o tutto del liquido di cottura tenuto da parte.
Aggiustare di sale e versare il purè in una terrina.
Se ne rimane si può conservare in frigorifero, si può gustare anche il giorno dopo averlo scaldato un poco.






giovedì 18 agosto 2016

Crema di peperoni friggitelli piccante, ma anche non



Se avete tanti peperoni friggitelli potete cucinarli per la preparazione di una crema piccante e non piccante.
Si può usare per accompagnare la carne cotta alla brace oppure il pesce in bianco o ancora con una fetta di pane con stracchino o robiola fresca. 

Ingredienti
1,2 kg di peperoni friggitelli rossi già lavati e puliti dai semi e piccioli
600 g di pomodori da sugo tagliati a quarti lasciando la buccia
una cipolla bianca di media grandezza
3 spicchi di aglio
6 cucchiai di zucchero semolato
450 g di aceto rosso
sale marino
olio extravergine di oliva
peperoncini piccanti a piacere

In un capiente tegame si mettono tutti gli ingredienti meno il sale, l’olio e i peperoncini. Si porta a bollore e si fa bollire a fiamma vivace per una decina di minuti, poi si abbassa la fiamma e si lascia sobbollire fino a che la preparazione risulta ben asciutta.
Conviene usare un tegame antiaderente.
Lasciare raffreddare e macinare con il passaverdure per eliminare bucce e semi eventuali. In un altro tegame scaldare qualche cucchiaio d'olio, versarvi il passato e, raggiunto il bollore, aggiustare di sale. Dopo qualche minuto (o quando il passato risulta addensato) invasare a caldo come per le confetture. Introdurre se piacciono uno o due peperoncini piccanti, in precedenza incisi per il lungo e sbollentati in aceto a bollore.
Prima di chiudere col coperchio coprire con un filo di olio.
Si possono pastorizzare per circa 15 minuti oppure coprire con tovaglie per creare il vuoto (come nella ricetta della confettura di albicocche con le cipolle).






lunedì 1 agosto 2016

Confettura di albicocche con cipolle



Quest’anno la produzione di albicocche è stata veramente notevole e, con grande gioia, mi sono organizzata per evitare che andassero sprecate.
Con i miei studi e le mie preparazioni di confettura e mostarda ho provato la preparazione di una confettura salata, un binomio a dir poco strano (direte voi), ma dal gusto eccezionale.
E... questo binomio di confettura si sposa bene con formaggi semistagionati di pecora e di capra. Non è una mia invenzione, ma una ricetta dell'Atlante dei prodotti tipici - Le conserve - Insor-Istituto Nazionale di Sociologia Rurale edito da Rai Eri.

Per prepararla ho usato il metodo che uso sempre per confezionare le mie confetture, lo si trova nel blog alla voce confetture dolci. Dopo aver invasato a caldo e chiuso bene i vasi ho lasciato raffreddare ben coperto da tovaglie e asciughini in modo da far fare il vuoto. Ecco gli ingredienti:
1 kg. di albicocche già snocciolate e private da eventuali scarti
500 g. di cipolle bionde
500 g. di zucchero semolato.







Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...